giovedì 30 settembre 2010

Grazie alle sorelle Pompei

Chiara e Claudia hanno pensato alle miei due bambole, questa mattina è arrivato un pacchettino:
due body per la piccola Anastasia, della mia marca preferita ;-) e un panda tutto per Sofia, che domani verrà in aereo con noi
Muchas gracias

Melanzane al miele - Eggplant with honey - Berenjenas con miel (receta italiana)

Dall'ultima mia ricetta ci sono due grandi novità: ho cambiato casa ed ho un nuovo aiutante, anche se poco collaborativo.
La ricetta è un'altra incredibile invenzione di Madame Sabrine D'Aubergine. Sono un po' come i famosi biscotti, bruttine ma decisamente buonissime, provare per credere.

Le melanzane del mio orto e il mio aiutante
L'ingrediente fondamentale: il miele
Le melanzane cotte

mercoledì 29 settembre 2010

Concorso: Paola e le stylish classes


Regole imparate:

  • Con il marrone, soprattutto se scuro, sta bene il nero
  • Quando sono nere si può abbinare la borsa con le scarpe
  • No ai loghi in evidenza, è volgare, fa eccezione Chanel

Note mie:

  • Mi piacciono i vestiti dalle linee essenziali
  • Una scarpa nera con il tacco sarà sempre attuale e raffinata
  • Quel braccialetto di Tiffany lo trovo elegantissimo
  • Mi fanno impazzire i gioielli Van Cleef & Arpels con la madreperla
  • Jardin sur le Nil di Hermes è il mio profumo estivo, buonissimo!!!

Letture in gravidanza


Wonder mi ha battuto sul tempo. Avrei dovuto fare questo post da un po' e nel frattempo l'ha già postato lei.
Le mie letture in gravidanza
I love shopping a New York (Sophie Kinsella): si legge in pochi giorni, non certo impegnato, ma molto simpatico.
I love shopping per il baby (Sophie Kinsella): leggerissimo, divertente e beneaugurante per una lettrice incinta ;-)
La piazza del diamante (Rodoreda Mercè): da quando vivo in Spagna mi piace leggere autori spagnoli e cercare di capire cosa ha significato il franchismo, che sembra ancora un'ombra percepibile nella vita della gente.
Ambientato a Barcellona durante la guerra civile. Mi è piaciuto, ma mi aspettavo di più dalle critiche e recensioni in cui mi ero imbattuta.
Divorzio a Buda e Le Braci (Sándor Márai): iniziati entrambi e non finiti, li ho trovati pesantini, ma prima o poi ci riprovo.
Cuore di ghiaccio (Almudena Grandes): Ah la Grandes, è la mia autrice preferita. Questo libro scoraggia all'inizio (1023 pagine), ma alla fine ho pianto, perché non volevo staccarmi da quella storia, che ormai mi accomagnava. In tutti i libri della Grandes, pur avendo trame molto diverse, ci sono tre costanti: 1) la protagonista è una gnocca madrilena trentenne 2) c'è una descrizione dell'Andalusia, che mi fa piacere leggere e riconoscere (in questo libro i genitori della protagonista si scambiano il primo bacio proprio nella via in cui abito) 3) il franchismo e le sue conseguenze vengono ampiamente descritti.
Malena, un nome da Tango (Almudena Grandes): Il mio ultimo libro iniziato in gravidanza, terminato con Anastasia in braccio. Mi era stato descritto come il suo libro migliore, ma durante la lettura non concordavo con questo giudizio. Alla fine mi è piaciuto da impazzire. L'impianto narrativo è molto ben strutturato, c'è un tocco di magia, credenze, superstizione che lo rende affascinante. La protagonista è una donna vera, che commette molti sbagli. La fine è una vera fine, si chiude perfettamente il cerchio del racconto.
Anche se è passato del tempo e sto leggendo un altro libro (La solitudine dei numeri primi) la mia mente pensa a Malena.
Sul kindle ho letto:
I love shopping (Sophie Kinsella): l'ho fulminato, come gli altri due.
Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella): scorevole come tutta la saga "I love shopping", la protagonista è simpatica, ma un bel po' più nerd della stilosissima Rebecca Bloomwood.


Ed infine il suo libro: Quello che le mamme non dicono.
E qui è doverosa una recensione ragionata, perché la storia di Chiara fa riflettere anche sotto le sembianze di un libro divertente, e umoristico lo è davvero!!
Certo la maternità è sicuramente questo, ma non sempre è un idillio. Trovare l'armonia e l'equilbrio nella propria vita, dopo l'arrivo di un neonato non è né semplice, né scontato, né intuitivo.
Di lei amo una cosa su tutte, che per la prima volta abbia avuto il coraggio di ammettere e dichiarare al mondo, che una mamma non deve dimenticare ciò che è stata, annullarsi per essere una buona madre. Non ci si deve sentire in colpa, se a volte si ha ancora il desiderio di leggerezza e spensieratezza e non per questo si ama di meno la splendida creatura che si ha generato.

Concorso: Paola e le stylish classes

Questo set rispecchia me, semplicemente con un portafoglio più nutrito della realtà.*

Regole imparate:
  • Se si accosta beige e nero, mai nero sotto e beige sopra, il viceversa è molto più elegante. Effettivamente non ci avevo mai pensato, ma mettere gonna nera e maglia beige fa tanto cameriera!!!
  • Non abbinare borsa e scarpe (eccezione per il nero e il marrone, quindi con lo stivale nero avrei potuto, ma avrei avuto troppo nero nel complesso)
  • Il suede è difficile, ma ho voluto rischiare

Note mie:
  • Il cappotto per eccellenza è Max Mara. Io ho solo cappotti Max Mara (fatta eccezione per un semplicissimo e delizioso cappottino bianco Samsonite). Non ne ho mai comperati in negozio, ma solo qui ed in svendita.
  • Le calzature Jimmy Choo sono un must nonché very expensive, forse non ne avrò mai. Mi accontento delle Pedro García (definito il Jimmy Choo dei poveri). Mai comperate in negozio, ma qui e in svendita.
  • Coccinelle è una delle mie marche preferite di borse e la Goodie Bag scamosciata la adoro!!!
  • Un foulard di Hermes è irresistibile e facile da portare. I miei li ho presi tutti nello storico negozio di Rue du Faubourg Saint-Honoré numero 24.
  • Tra i brand di alta gioielleria preferisco Bulgari. Ho inserito il braccialetto della collezione "Allegra", colorato e portabile.
  • Di Pomellato mi piace molto la collezione "Nudo". Due o tre anelli di colori diversi nello stesso dito.
  • Allure è il profumo che uso d'inverno
  • Il mascara per me è solo Helena Rubinstein
  • Avrei voluto inserire il rossetto Rouge Noir di Chanel, ma non c'era ed ho scelto quello più simile.

*Ad Istanbul un venditore di tappeti mi disse: "Hai gusti da Champagne e il portafoglio da birra", stavo cercando di comperare un Nain, o Isfahān, o Tabriz (sono iraniani, ma si trovano anche in Turchia) al prezzo di un Bukara.

lunedì 27 settembre 2010

Controluce




Per me il miglior alleato di un fotografo non è né il talento né la macchina fotografica, bensì la luce, tanta luce e possibilmente solare. Con una buona luce ci si può permettere una focale lunga con tempi d'esposizione bassi, evitando le foto mosse.
Pare che una delle regole fondamentali per un buon fotografo, sia non essere mai controluce.
Per la mia modestissima opinione, invece, si ottengono dei risultati originali e sorprendenti.
Forse la foto di mezzo ha un'esposizione esageratamente "originale", ma ho voluto postarla per enfatizzare l'effetto.

È iniziato l'autunno






venerdì 24 settembre 2010

Occasioni


Da quando Paola ha indetto le sue Stylish Classes, mi sto divertendo a comporre abbinamenti di moda. Le idee ci sono, ma mancano le occasioni per sfruttarle. Non vado in ufficio, non vado a teatro, non viaggio...ieri sera però cena fuori!!!
Cinque fisici e due bambine (le mie) nell'unico ristorante carino nel Paseo de los Tristes: pesce nel piatto e Alhambra illuminata sopra di noi.
Per l'occasione vestito scollato nero, collana con ametista e cristallo di rocca (una mia creazione) e tacchi.
Elisa: «Mi metto le Pedro Garcia nuove?»
Michele: « No, look troppo aggressivo»
Elisa: « E le peep toe nere?»
Michele: « Aggiudicate!!!»

mercoledì 22 settembre 2010

Verweile doch! du bist so schön! *



Da quando un'amica blogger mi ha scritto, continuo a ripensare al senso delle sue parole, vorrei condividerle:

Godetevi questi momenti magici, tutti e quattro...
... Non perderne un attimo, per nulla al mondo. Per lei – per loro – e per te.
Ciao Elisa, a presto

Ci penso quando alla sera, seduta nel mio letto, le do il latte e lei mi guarda con i suoi occhietti sempre più chiari.
Ci penso quando mi stringe forte il dito con le sue tenere manine.
Ci penso quando la guardo dormire ascoltando il suo respiro ritmato.
Ci penso quando mi sveglio alla mattina e la trovo al mio fianco, mi avvicino, la coccolo e vorrei che il tempo si fermasse con la mia guancia sulla sua testina morbidosa mentre respiro il suo delizioso profumo, delicato come solo i neonati possono avere.

*Fermati attimo che sei bello! Da "Faust" di Johann Wolfgang von Goethe

lunedì 20 settembre 2010

Giallo e verde - Yellow and green - Amarillo y verde



Dopo l'insalata più alta del mondo, ecco la zucchina più grande del mondo, potremmo vincere il primo premio del "Festival dell'Ortaggio Gigante" (dal film "Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro")

giovedì 16 settembre 2010

Dedicato a Paola

Dal blog di Paola si possono apprendere molte nozioni di moda e ... ho anche scoperto un meraviglioso sito in cui creare abbinamenti, si può osare combinando pezzi da favola, basta un click!!!

Toro


In Spagna campeggiano delle giganti sagome nere a forma di Toro (14 metri di altezza).
Sono presenti dal 1956 e rappresentavano la pubblicità de Brandy de Jerez.
Oggi questi cartelloni pubblicitari vengono considerati beni cultural.
Da piccola andavo in vacanza in Costa Brava, io e mia sorella sapevamo che eravamo arrivate quando, passato il confine con la Francia, appariva l'enorme toro.

Sofia y Pablo



Nella città natale di Picasso

giovedì 9 settembre 2010

Fototessera


Dovevo fare delle fototessere alle bambine (quelle di Sofia servono solamente da attaccare su armadietto e cosine varie all'asilo, quindi va bene anche se ha la luce del sole).
Qualche comando di Photoshop ed ecco i due set di foto ed un bel risparmio di fotografo.


sabato 4 settembre 2010

Mi hija peliroja

Occhi blu (magari è solo il colore provvisorio dei lattanti)
Bel nasino
Rossa di capelli